Installare ArchLinux sul Dell Inspiron 7559 Parte 4: Post-Installazione/2


Dopo aver installato e configurato un sistema minimale, in questa parte vediamo alcuni programmi e configurazioni utili per il nostro sistema appena installato, o almeno sono utili per me 😉
Nota: questa parte della guida (e anche la prossima) sarà probabilmente la più aggiornabile, poichè tante cose mi vengono in mente man mano che mi servono e verranno aggiunte

Installiamo yaourt

N.B.: Se non sapete cos’è AUR o come si installa un pacchetto da esso la wiki consiglia di leggere prima questa pagina.
Tra tutti gli AUR helpers, quello con cui mi sono trovato meglio è stato Yaourt, anche se ho trovato in Pacaur un’ottima alternativa.
Scarichiamo Yaourt e package query, cliccando su download snapshot.
Procediamo all’installazione (Attenzione: mai compilare pacchetti come root):
# pacman -S yajl
$ cd ~/Downloads
$ tar xvzf yaourt.tar.gz
$ tar xvzf package-query.tar.gz
$ cd package-query
$ makepkg
$ sudo pacman -U package-query-1.8-2-x86_64.pkg.tar.xz
$ cd ..
$ cd yaourt
$ makepkg
$ sudo pacman -U yaourt-1.8.1-1-any.pkg.tar.xz

Installiamo altri programmi utili

Programmi di produttività e codec
$ yaourt google-chrome
# pacman -S libreoffice vlc gwenview gimp inkscape unrar unzip zip openssh wget

Qualche gioco che non fa mai male:

# pacman -S desmume 0ad

Nota: desmume è un emulatore per nintendo ds (per tutti i nostalgici come me), mentre 0ad è un gioco in stile age of empires.

Supporto ntfs

# pacman -S ntfs-3g parted partitionmanager

Gestione energetica

# pacman -S acpid bluez-utils ethtool wireless_tools sdparm acpi
# systemctl enable acpid sdparm hdparm
$ yaourt laptop-mode-tools
# systemctl enable laptop-mode

Successivamente configuriamo laptop-mode-tools a nostro piacimento andando a lavorare su /etc/laptop-mode/laptop-mode.conf, tuttavia la configurazione di default a me sembra più che sufficiente.

Ottimizziamo l’SSD

Nel caso in cui abbiate la versione con l’SSD di fabbrica o avete aggiornato il vostro Dell in seguito dovrete aggiungere qualche passaggio per ottimizzarne l’uso.

In realtà basta aggiungere l’opzione di TRIM continuo in /etc/fstab, tramite discard aggiunto tra le opzioni di mount delle partizioni sull’ssd.
Se questo vi crea problemi vi basta abilitare il servizio di TRIM periodico con
# systemctl enable fstrim.timer
In modo che il TRIM venga effettuato una volta a settimana (sulle partizioni con l’opzione discard), e non in modo continuo, che su SSD vecchi o certi modelli potrebbe creare problemi.

Direi che come post installazione base ci siamo, nella prossima parte personalizziamo KDE.

Questa voce è stata pubblicata in Arch Linux e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...