Arch Linux sul nostro Raspberry Pi: Installazione


Qualche tempo fa comprai Raspberry Pi 3 per affiancarlo alla mia tv e renderla una vera tv multimediale (ho un plasma panasonic ma è la prima generazione Smart, quindi non ha la maggior parte delle funzionalità).
Per chi non conoscesse Raspberry Pi vi rimando al sito ufficiale.
Inizialmente avevo installato Raspbian e l’avevo configurato come media center e NAS, tuttavia ero curioso di provare a renderlo più performante e Arch linux mi pareva la scelta adatta…. quindi eccoci qua! 😉 L’idea resta comunque di riconfigurarlo come prima con Raspbian tuttavia in questa parte vedremo solo come installare Arch Linux, in quanto ci sarà utile anche per ulteriori progetti.

Backup/ripristino della nostra immagine

Essendo un “esperimento” il mio, o comunque Raspbian era configurato a puntino e mi dispiaceva perderlo, ho provveduto a fare un backcup (riferimento ArchWiki)

# dd if=/dev/mmcblk0 conv=sync,noerror bs=64K | gzip -c > /cartella/dove/vogliamo/salvare/backup.img.gz
# fdisk -l /dev/mmcblk0 > /cartella/dove/vogliamo/salvare/backup_fdisk.info

Nota: voi mettete sempre il vostro nome del device

E per ripristinare:
# gunzip -c /cartella/dove/vogliamo/salvare/backup.img.gz | dd of=/dev/mmcblk0

Installazione Arch

Partizionamento SDCard

# fdisk /dev/mmcblk0

E qui premiamo:

  1. o, questo formatterà la sd
  2. p, per verificare che non ci siano più partizioni nella sd
  3. n per una nuova partizione, p perchè sia primaria, 1 perchè è la prima del disco, ENTER per confermare il primo settore, +100M per l’ultimo settore.
  4. t e poi c, per settare il tipo di partizione come W95 FAT32 (LBA).
  5. n per una nuova partizione, p perchè sia primaria, 2 perchè è la seconda del disco, ENTER per confermare il primo settore, ENTER per confermare l’ultimo settore.
  6. w scrivere le partizioni su disco e uscire
Montiamo le partizioni

# mkdir /mnt/pi
# mkdir /mnt/pi/boot
# mkdir /mnt/pi/root
# mkfs.vfat /dev/mmcblk0p1
# mount /dev/mmcblk0p1 /mnt/pi/boot/
# mkfs.ext4 /dev/mmcblk0p2
# mount /dev/mmcblk0p2 /mnt/pi/root/

Installiamo il sistema base

Questi comandi vanno dati da utente root, no sudo
# wget http://archlinuxarm.org/os/ArchLinuxARM-rpi-2-latest.tar.gz
# bsdtar -xpf ArchLinuxARM-rpi-2-latest.tar.gz -C /mnt/pi/root
# sync
# mv /mnt/pi/root/boot/* /mnt/pi/boot

Ora il nostro sistema è installato e gli utenti di default sono:

  1. alarm, password alarm
  2. root, password root

Nella prossima guida vedremo come configurarlo per avere la nostra Archlinux completamente funzionante.
Riferimento: Arch ARM

Questa voce è stata pubblicata in Arch Linux e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...