Arch Linux sul nostro Raspberry Pi: Configurazione


Dopo aver installato Arch Linux dobbiamo inserire la sd card nel Raspberry, collegarlo via ethernet al nostro router di casa, trovare l’indirizzo ip assegnato e collegarci via ssh con nomeutente alarm e password alarm
$ ssh alarm@192.168.1.105
Da questo momento tutti i comandi verranno eseguiti all’interno del Raspberry, consiglio al primo login da root di cambiare la password col comando # passwd
Nota: il login da root via ssh è disabilitato di default.

Configuriamo il collegamento wireless automatico

Installiamo i pacchetti necessari e creiamo il profilo di netctl relativo alla nostra rete grazie a wifi-menu
# pacman -S wpa_supplicant dialog wpa_actiond
# wifi-menu -o

Ora abilitiamo il profilo creato con wifi-menu (è memorizzato in /etc/netctl se non vi ricordate il nome) per il login automatico all’avvio
# systemctl enable netctl-auto@wl..(vostra intefaccia).service
Al prossimo riavvio dovrebbe collegarsi alla rete wireless senza bisogno del cavo ethernet.
Nota: Probabilmente quando vi collegherete al vostro router tramite wifi il Raspberry avrà un indirizzo diverso da quello che aveva col cavo di rete.

Un’alternativa leggermente più pesante è installare Wicd, cosa che io ho fatto per via della riconnessione automatica quando perdeva il segnale:
# pacman -S wicd
# systemctl enable wicd
$ wicd-curses

oppure vi mando a questo post per altri modi di riconnessione automatica… ad ognuno il suo preferito!

Configuriamo il supporto audio

# pacman -S alsa-utils
Aggiungiamo le seguenti righe al file /boot/config.txt

dtparam=audio=on
hdmi_drive=2

Configurazione utenti

Questa parte è del tutto facoltativa ma a me l’utente alarm non piaceva (e neanche l’hostname, ma per quello basta modificare il file /etc/hostname), quindi ho provveduto a crearne uno nuovo (nel mio caso sarà raspi)


# useradd -m -g users -G wheel,video,audio,sys,lp,storage,scanner,games,disk,network,power -s /bin/bash raspi
# passwd raspi

Adesso usciamo dalla connessione ssh, rilogghiamoci come raspi e eliminiamo l’utente alarm

# userdel alarm

Nota: se volete mantenere alarm vi consiglio di cambiare password.

Miglioriamo le performance delle SDCard

Il mio file /etc/fstab aveva solamente la riga relativa alla partizione di boot quindi editiamolo e aggiungiamo:

/dev/mmcblk0p2 / ext4 defaults,relatime 0 0

con al posto di /dev/mmcblk0p2 il nome della vostra partizione root.

Installiamo l’AUR helper packer (e abilitiamo il cross-compiling)

Ho scelto cower per scaricare facilmente i file da AUR; se volete poi potete installarne un altro, per esempio yaourt, scaricando i file con cower
# pacman -S cower

Per abilitare il cross compiling (cosa assolutamente non necessaria, dipende dall’uso che ne andrete a fare) vi rimando a quest’altra guida.

Installiamo e configuriamo sudo

# pacman -S sudo
e decommentiamo la seguente riga tramite il comando visudo
%wheel ALL=(ALL) ALL

Installiamo X minimale

# pacman -S xorg-server xorg-server-utils xorg-xinit xf86-video-fbturbo-git

e creiamo nella home di raspi il file .xinitrc
if [ -d /etc/X11/xinit/xinitrc.d ] ; then
for f in /etc/X11/xinit/xinitrc.d/?*.sh ; do
[ -x "$f" ] && . "$f"
done
unset f
fi

# twm &
# xclock -geometry 50×50-1+1 &
# xterm -geometry 80×50+494+51 &
# xterm -geometry 80×20+494-0 &
# exec xterm -geometry 80×66+0+0 -name login

## some applications that should be run in the background
xscreensaver &
xsetroot -cursor_name left_ptr &

exec il_DE_che_andrete_a_installare

Anche se per ora non funzionerà quando avrete installato il DE o il Windows Manager a vostra scelta e aggiunto il relativo comando dopo exec con il comando startx dovreste avere il vostro X avviato correttamente.

Io terminerei qui la guida per il semplice fatto che da adesso Arch è installato e ha tutte le configurazioni base necessarie, eventuali modifiche o passi successivi sono strettamente legati all’uso che ne volete fare!

Questa voce è stata pubblicata in Arch Linux, raspberry pi e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...