Upgrade del nostro Dell Inspiron 7559: SSD


Dell Inspiron 7559 Quando fu ora di comprare il Dell Inspiron optai per la versione da 999$, cioè quella senza SSD, e con display Full-HD non Touch.
Tuttavia l’altro giorno, vedendomi arrivare qualche finanza extra, decisi di fare un upgrade e comprai questo SSD della Crucial, a un buon prezzo per 275 Gb.
Una volta acquistato vediamo come effettuare l’upgrade.
Piccola premessa: io attualmente sul mio disco fisso da 1 Tb ho circa 300 Gb per la home di Archlinux, 100 Gb per il Root di Arch e il resto per Windows 10.
La mia idea è trasferire Windows 10 su una partizione di 100 Gb sull’SSD, Archlinux su una partizione da 80 Gb e i restanti per la home di ArchLinux. Poi il disco da 1 Tb sarà partizionato in programmi (250Gb) e il resto documenti.
Detto questo procediamo.

Installazione

L’installazione è piuttosto semplice, una volta girato il portatile, svitate la vite e aprite il fondo del pc;
li dovrete vedere lo slot per l’SSD m.2, vi basta collegarlo come colleghereste un banco di RAM ed ecco fatto!
Richiudete tutto e accendete il portatile.

Trasferimento Sistemi Operativi

Qui tratterò solo come trasferire i dati di Windows e la home di Arch Linux, in quanto la mia idea è reinstallare totalmente Arch.

Per i dati sull’SSD ho provato a scaricare Acronis True Image HD dal sito della crucial, installarlo con il seriale che ci viene dato nella confezione e clonare il disco…. ma senza risultato! (e non ne capisco il motivo)
Ho optato quindi per utilizzare EASEUS Todo Backup Free (che tra l’altro vi potrebbe essere utile per altre cose).
Prima di iniziare tramite QtParted da Linux ho configurato l’SSD con le partizioni desiderate e ho copiato la partizione ESP sull’SSD.

Trasferimento della Home di Linux

Qui il procedimento è molto semplice, basta digitare da terminale:
# mount /dev/partizione_nuova_home/ /mnt/
# cp -R /home/luca /mnt/
# umount /mnt

Trasferiamo Windows

Dopo aver creato la partizione per Windows e installato EASEUS Todo Backup, basta avviarlo e andare su clona disco, selezionare prima la partizione dov’è il programma, poi la partizione dove andrà.. ed ecco fatto!

Ora bisogna aggiornare il BootLoader di Windows affinchè avvi il Windows nell’SSD (anche se vi farà perdere il grub di Linux).
Andiamo su Impostazioni, Aggiornamenti, Ripristino, Avvio avanzato, Prompt dei comandi (il percorso mi pare sia questo, potete trovarlo più dettagliato qui se non vi trovate).
Una volta riavviato il PC ed essere sul prompt dei comandi digitiamo
diskpart
sel disk 0
list vol

Qui io ho due partizioni EFI, una sul SSD e una sul HD fisico, ho selezionato quella sul SSD.

sel vol 0 (Importante: al posto di 0 va indicato il numero del volume associato alla partizione EFI FAT32)
assign letter=w:
exit

Il penultimo comando consente di assegnare una lettera identificativa di unità arbitraria (esempio: W:) alla partizione EFI.

Per ripristinare il boot di Windows, quindi, si dovranno digitare i seguenti comandi:

cd /d W:\EFI\Microsoft\Boot\ (attenzione a specificare la lettera identificativa di unità scelta in precedenza)
ren BCD BCD.bak
bcdboot C:\Windows /l it-it /s w: /f ALL
Attenzione: adattate voi le lettere in base alla vostra configurazione.

Successivamente potete tranquillamente cancellare la vecchia partizione di Windows e adibirla ad altro scopo 😉 (anche se forse è meglio riavviare e vedere che funzioni tutto)

Installazione Arch Linux

Io ho proceduto ad una installazione ex-novo, quindi vi rimando alla guida sull’installazione di Arch.

Dopo tutti questi passaggi dovreste esser riusciti a fare una migrazione dei vostri sistemi sull’SSD.

Questa voce è stata pubblicata in linux, Sistemi Operativi, Windows e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...